The women of Rebibbia. Walls of stories

 

Portfolio d’autore: un’indagine fotografica sugli spazi della vita quotidiana nella sezione femminile del carcere di Roma, la più grande d’Europa

 

LEGGI LE ALTRE PUNTATE DELL’INCHIESTA “EMERGENZA CARCERI”

 

Nell’immaginario collettivo la vita carceraria è alimentata da film ed immagini che trattano quasi sempre la questione da un punto di vista maschile. Nell’era del movimento #MeToo e di una generale rivalsa della questione femminile ho deciso d’indagare cosa sia la detenzione per una donna: il problema della maternità, la relazione con la famiglia e il partner, la dura condizione di convivenza con le compagne di cella spesso di culture e paesi diversi.

A Roma, la mia città, la sezione femminile del carcere di Rebibbia è la più grande d’Europa. La sua gigantesca architettura, mutuata sul modello del Panopticon di Jeremy Bentham, è divisa in due corpi principali, il Camerotti (inaugurato nel 1979) e il Cellulare, le cui mura scandiscono inesorabili i tempi quotidiani della prigionia. Così, ho lasciato che questi spazi parlassero per le loro abitanti: le celle, il nido, l’infermeria, gli spazi comuni per le attività sociali ed educative, l’azienda agricola, la sala colloqui, tutti ambienti dove le prigioniere consumano la loro vita per anni.

Dato che in carcere non esiste privacy e ogni momento è sotto controllo, ho mutuato le singole prospettive personali in uno sguardo collettivo che avvicina dolore e sollievo in un’unica dimensione, in bilico nella sottile separazione tra violenza e redenzione, solidarietà e dramma. Scoprendo un mondo molto diverso dalle mie aspettative e quasi mai raccontato, questo progetto ha cambiato la consapevolezza sul mio essere e vivere il mio status di donna libera. Magari, grazie al potere della fotografia, può farlo anche in qualcun altro.

 

Autore

Laureata con lode in filosofia, è una fotografa specializzata in immagini di arte e architettura. È stata membro del direttivo dell’Associazione nazionale fotografi professionisti Tau-Visual dal 2014 al 2020 e fa parte di PhotoVogue. Il suo lavoro è stato esposto a livello internazionale ed è online su LensCulture, blink, Fondo Malerba per la fotografia, Dodho, L’Oeil de la photographie, Saatchi Art, All About Photo, OpenEye, Artsper, Aesthetica Magazine, Artsy e Artnet. Il suo nome è nell’Art in America's Guide 2017 e nei TOP 100 artists 2018 della Circle Foundation for the Arts-France. È rappresentata dalla Galerie Bruno Massa di Parigi e dall’Art+Commerce Agency-PV Collection di New York

 

Related Posts

In carcere quando le cose vanno male si sente la necessità di fare qualcosa ma, non appena la...

Ad onta delle proposte degli Stati generali dell’esecuzione penale, il nuovo ordinamento...

Dagli Stati Uniti all'Europa, una rassegna di casi in cui l'architettura e il design mitigano la...

Leave a Reply