Il Covid-19 ha (forse) riabilitato l’umanità del designer, (sicuramente) ridimensionandone l'autocelebrazione: i cinque fattori riemersi nell’emergenza