Le opere provvisorie concepite da Otto Bartning nella Germania del secondo dopoguerra rappresentano il primo esito di un’architettura sacra che coniuga costruzione industrializzata e coinvolgimento della collettività nel cantiere.