Secondo Jean-François Cabestan si è persa un'occasione per ripensare il significato e il programma della fabbrica, collegando l'operazione all'auspicata riqualificazione dell'intera Île de la Cité