Il rettore del Politecnico di Milano spiega come la crisi migliorerà didattica e ricerca